bruschetta-fettunta-maremmana

La fettunta maremmana

La fettunta maremmana era lo spuntino di chi lavorava nei campi.
Le sue origini contadine si devono al riciclo del pane raffermo "perché il pane non si butta!"

Chi vive qui, almeno una volta, ha partecipato alla raccolta delle olive: da un parente, un amico, un conoscente. E' una specie di “battesimo” della Maremma. Insieme alla vendemmia. Una tradizione antica che sottolinea l'importanza dell'olio e della coltura dell'ulivo in queste terre.

Capitando da queste parti tra metà ottobre a fine novembre, potrete vedere ovunque i tronchi degli ulivi ammantati con i teli verdi usati per la raccolta. Le olive colte saranno portate al frantoio e spremute a freddo entro le 24 ore, per evitare un olio troppo “acido”. L'olio che se ne ricava è verde, denso, fruttato. Non c'è modo migliore per assaporarne il sapore se non la semplice fettunta.

bruschetta-toscana-fettunta-maremmana

Ingredienti

  • Pane sciocco toscano
  • Aglio
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale

Ricetta della fettunta maremmana

Tagliate il pane a fette alte un dito (con tutta la crosta) e mettetele ad abbrustolire sulla brace (va bene anche una bistecchiera ben calda o il grill del forno!). Giratele una sola volta, la superficie deve risultare croccante mentre l'interno deve rimanere morbido.

Strofinatele, ancora calde, con una testa d'aglio e quindi inondatele di ottimo olio extra vergine e infine salate.

Mangiatele subito, prima che si raffreddino!

Aldo Fabrizi dedica alla fettunta

Omaggio alla fettunta

Il “grande” attore, poeta, regista, ALDO FABRIZI, con questi pochi versi in romanesco ne aveva veramente colto l'essenza:

Ar tempo che la gente popolana

bruscava ancora er pane sur carbone,

a Roma lo chiamaveno “Cappone”

come “Fettunta” dicheno in Toscana.
‘Na fetta de pagnotta paesana,

co’ sale ajo e ojo, a colazione

fa bene: l’ajo è contro l’infezione,

l’ojo, pe’ chi va duro, è un toccasana.
Carica d’ajo, è inutile a discute,

certo nun spunteranno fiori in bocca

ma l’alito profuma de salute.

Condividilo con gli amici su:

Autore dell'articolo: Marilena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *