La pappa al pomodoro

La pappa al pomodoro, è una zuppa tradizionale della cucina toscana. Gli ingredienti poveri ma genuini e il condimento saporito, rendono questo piatto squisito sia se gustato caldo in inverno, che freddo in estate.
Pane raffermo, rigorosamente “sciocco”, pomodori maturi, aglio e profumo di basilico, la ricetta è di quelle semplici. C’è chi bagna il pane con il brodo, chi lo strizza, chi lo strofina con l’aglio e chi copre le fettine con il sugo ed il brodo insieme.

Io la faccio così:

Ingredienti: (per 4 persone)

300 gr circa di pane toscano raffermo
500 gr di pomodori maturi
aglio
basilico q.b.
1 lt di brodo vegetale
olio extravergine di oliva
sale e pepe (o peperoncino)

Ricetta della pappa al pomodoro

La prima cosa da preparare è il brodo vegetale: una cipolla, due carote e un gambo di sedano basteranno. Fatelo per tempo, le verdure devono bollire un po' per rilasciare il sapore.
Mentre il brodo va' sbollentate i pomodori per pochi secondi e poi gettateli in acqua e ghiaccio. Eliminate la buccia (che verrà via come niente) e i semi. Fate una bella cubettata. Intanto scaldate l'olio in una pentola ampia, con 2 o 3 spicchi d'aglio.
Quando l’aglio si è imbiondito, è il momento di aggiungere il pomodoro e alzare la fiamma. Lasciate cuocere la salsa per qualche minuto, aggiustate di sale e coprite con un coperchio.
Tagliate il pane raffermo a tocchetti e lasciatelo ammorbidire nel brodo vegetale ancora caldo. Aspettate fino a quando la crosta sia ben inzuppata, poi strizzate leggermente e aggiungete il pane al sugo di pomodoro.
Mescolate per almeno 15 minuti, fin quando la mollica si è quasi sfatta e la “pappa” comincia a prendere forma. Nel caso dovesse risultare troppo asciutta vi basterà diluire con un mestolo di brodo.
A cottura ultimata aggiungete una manciata generosa di basilico ( mi raccomando …. spezzato con le mani!) e lasciate riposare per un’oretta.
Un filo di olio extravergine e, se vi piace, un po' di peperoncino.
Gustosissima!

Condividi su:

Autore dell'articolo: Marilena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *