Il buglione

Il buglione

Da bouillon ( brodo ), il buglione era il pentolone in cui veniva messo a bollire un po' di tutto. Nel dialetto maremmano significa anche “un'accozzaglia di cose”. Ha un'origine molto povera, sarebbe infatti nato dagli scarti degli animali cotti per i padroni. Veniva poi aggiunto del pane per ottenerne una pietanza sostanziosa.
Assomiglia un po' alla scottiglia se non per la differenza di cottura delle carni che nel buglione è più lunga, fino a ridurle in poltiglia. La ricetta originale non prevede il pomodoro.

Ingredienti per 4 persone

  • Spalla di agnello 400gr.
  • Spalle di coniglio 400 gr.
  • Anche e cosce di pollo 400 gr.
  • Una cipolla, una carota, un gambo di sedano
  • 2 spicchi d'aglio
  • Salvia e rosmarino (ramerino!!!! alla maremmana!)
  • Aceto
  • Brodo
  • Pane sciocco a fette
  • Olio d'oliva
  • Sale e pepe

Ricetta del buglione

Tagliate le carni a pezzi e fatele bollire in poca acqua salata per un quarto d'ora.
Quando saranno tiepide gettate l'acqua di cottura e spolpatele accuratamente.

In un tegame rosolate, con mezzo bicchiere d'olio, un trito di cipolla, sedano, carota e aglio. Quindi unite le carni e fatele rosolare per qualche minuto.

Salate, pepate e bagnate con mezzo bicchiere di aceto. Fatelo evaporare poi aggiungete qualche fogliolina di salvia e rosmarino. Continuate a cuocere a lungo, bagnando di tanto in tanto con un po' di buon brodo.

Alla fine otterrete una specie di crema. Servitelo su fette di pane abbrustolito.

 

La moderna ricetta del buglione è esclusivamente realizzata con carne di agnello e vengono anche usati pomodoro e peperoncino.

Per chi non ha voglia di cimentarsi ai fornelli potrà gustarlo, nell'ultima settimana di agosto, a Capalbio Scalo, presso i giardini pubblici, dove si tiene tutti gli anni la tipica Sagra del Buglione.

Condividi su:

Autore dell'articolo: Marilena

Qua ci può andare del testo descrittivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *